sabato 7 luglio 2012

IL PALLONE IN ABRUZZO HA TINTE CHIARO-SCURE

In Abruzzo quella entrante forse sarà una stagione indimenticabile, dopo vent'anni il Pescara ritorna a giocare in serie A, invece, dopo il miracolo del Castel Di Sangro 1996-98, il Lanciano sarà la terza squadra abruzzese di sempre a giocare in serie B. Ad una prima e distratta occhiata, calcolando anche il ritorno tra i professionisti del Teramo Calcio, sembrerebbe davvero un'Abruzzo in salute, invece non è affatto così, andando oltre questa punta dell'iceberg sembra proprio che sotto il livello dell'acqua la situazione sia molto preoccupante, le squadre professionistiche del Giulianova e del Celano sono oramai destinate al tramonto, mentre il Chieti Calcio ad oggi non è stato iscritto in Lega Pro, in serie D e in Eccellenza la situazione non sembra migliore, si mormora di almeno 2-3 squadre che non si iscriveranno ai campionati di competenza, per finire tra i dilettanti, dove si prevedono circa una ventina di defezioni tra le società di promozione fino alla seconda categoria. Arrivando ai settori giovanili c'è da dire che molti, a differenza degli anni scorsi, sono ancora paralizzati nell'organizzazione della stagione, intanto però si avvicina a grandi passi la scadenza del 16 luglio e ci sono pochissime iscritte, così che altre società sperano di poter essere ripescate dal campionato provinciale, speriamo che piano piano le cose si risolvano e questa crisi economica non ci porti via anche questa bellissima passione. 
Posta un commento