venerdì 4 ottobre 2013

DA LANCIANO...... A LANCIANO!


Al termine di una domenica piena di amarezza amarezza devo prendere atto che ancora una volta la trasferta di Lanciano mi ha lasciato rammarico e frustrazione. Nel corso degli anni anni di settore giovanile (dal 1997) sono stato allontanato dalla panchina 3 volte, tutte nei primissimi anni di attività, domenica al termine di una partita persa meritatamente, per riconosciuti meriti avversari, (sul 2-0) ad una spicciolata di minuti dal termine ero a bordo campo che scherzavo con un collega fuori dal campo e con un dirigente della panchina locale sull'opportunità di mettere un cartello "LASCIATE OGNI SPERANZA VOI CH'ENTRATE", visto che la squadra frentana è forte e l'atteggiamento dei direttori di gara è anche condizionato dalla loro giovane età e dai compagni di scuola che giocano con la squadra di casa, che chiamano l'arbitro continuamente con il nome di battesimo. Nel mentre tra la sorpresa generale si avvicinava il direttore di gara e mi invitava ad abbandonare il campo, con i miei interlocutori che cercavano di farlo ragionare spiegando l'inopportunità della decisione, ma lo stesso, irremovibile, minacciava di sospendere la gara se non avessi immediatamente abbandonato il campo per destinazione, tanto che, dopo aver rinunciato a spiegare le mie ragioni, mi recavo fuori, certo che, come accaduto nelle prime giornate a colleghi e dirigenti, venisse fatta chiarezza sull'accaduto e mi venisse comminata al massimo un'ammonizione con diffida ed invece, eccola puntuale, è arrivata la squalifica di una settimana. L'ultima risaliva al maggio 2011, sempre a Lanciano, al termine della gara di giovanissimi sperimentali spal - caldora, quando, al termine della gara, facevo presente al presindente rossonero che per la quarta volta ci eravamo recati in terra frentana (tra allievi e giovanissimi, regionali e fascia B) , per la quarta volta avevamo perso e per la quarta volta avevamo finito con almeno un giocatore espulso, colacolando che le squadre giovanissimi erano arrivate entrambe seconde e quelle allievi entrambe quarte. L'arbitro, che era già rientrato nello spogliatoio, sentendo la discussione dopo essersi affacciato e chiesto candidamente al presidente locale le ragioni del contendere, fece referto e facendomi squalificare per una settimana. Da quel Maggio al Villa delle Rose ad Ottobre alla Zona 167 sono passati più di 2 anni senza espulsioni, con una finalissima regionale giovanissimi ed una coppa disciplina vinta negli allievi regionali, speriamo questo episodio sia solo frutto della casualità.
Per dovere di cronaca faccio presente che rappresento solo la mia posizione, la società D'Annunzio invece ha stigmatizzato l'accaduto invitandomi ad evitare di essere nuovamente allontanato dalla panchina lasciando la squadra senza guida tecnica.
Posta un commento