giovedì 14 luglio 2016

IL DEFIBRILLATORE DIVENTA OBBLIGATORIO



Dopo tante proroghe e rinvii dal 20 luglio entrerà in vigore il decreto Balduzzi del 2013 e salvo nuove proroghe scatterà l'obbligo per le società e le associazioni sportive del defibrillatore. Un passo in più per la sicurezza degli atleti, ma anche una nuova stangata per le società in questo periodo di crisi dove tante società chiudono i battenti (nella foto un defibrillatore manuale, un dispositivo in grado di effettuare la defibrillazione delle pareti muscolari del cuore, il principio dell'apparecchio consiste nel ripristino immediato del battito cardiaco del paziente, in caso di minaccia di morte imminente a causa di arresto cardiaco o di fibrillazione ventricolare, attraverso l'applicazione di una scarica di corrente elettrica).

L’obbligo riguarda le Associazioni sportive dilettantistiche (Asd) o le Ssd (Società Sportive Dilettantistiche) che dovranno quindi essere fornite di defibrillatore durante lo svolgimento dell’attività sportiva, sia in allenamento che nelle competizioni ufficiali.

L’onere della dotazione del defibrillatore semiautomatico e della sua manutenzione sarà a carico della società come la spesa per l'acquisizioni degli attestati di BLSD per il personale.
Le società che operano in uno stesso impianto sportivo potranno però consorziarsi o demandare l’onere della dotazione e della manutenzione del defibrillatore semiautomatico al gestore dell’impianto attraverso un accordo che definisca anche le responsabilità in ordine all’uso e alla gestione.
Posta un commento