martedì 18 dicembre 2012

UN ESEMPIO PER TUTTI I RAGAZZI... DA EVITARE ASSOLUTAMENTE!


FONTE: REPUBBLICA.IT

QUA MANCHESTER – Alta tensione tra Mario Balotelli e il Manchester City. Secondo la stampa inglese l'ennesimo motivo di scontro tra l'attaccante azzurro e il club inglese sarebbe una maxi-sanzione di 340mila sterline (oltre 410mila euro) comminata al giocatore per i ripetuti comportamenti indisciplinati. Una multa che Supermario avrebbe deciso di contestare portando la società in tribunale. Secondo le indiscrezioni dei tabloid, Balotelli si presenterà in aula mercoledì, a Londra, davanti ad un panel indipendente formato da 2 membri. Il 22enne ritiene che la multa sia ingiustificata. In caso di verdetto sfavorevole, scrive il giornale, dovrebbe farsi carico anche delle rilevanti spese processuali, visto che si tratterebbe di una somma a 5 cifre. La vicenda, scrive il Daily Mail, è l'ennesimo segnale di rottura tra Balotelli e il Manchester City, che ha respinto il ricorso 'interno' presentato dal calciatore. Ieri la punta non è stata impiegata dal tecnico Roberto Mancini nel match di Premier League che i campioni d'Inghilterra hanno vinto 3-1 sul campo del Newcastle.

QUA ROMA - "Mario, io ho partorito". "Ah, ok. A me non interessa", ed il telefono viene riagganciato. Raffaella Fico  è attacca duramente Mario Balotelli, affidando il suo sfogo alle pagine di "Chi", a cui concede la prima intervista a pochi giorni dalla nascita della figlia Pia. "Mario per me è un irresponsabile. A un certo punto non si è più interessato di niente, nè di me, nè di nostra figlia. Fino a prova contraria lui con me si doveva sposare. Questo era il nostro progetto, la nostra volontà. All'improvviso è crollato tutto e non so perchè", spiega la show girl. Una bimba che Mario Balotelli non ha ancora voluto incontrare. "Ho iniziato a sentire le prime contrazioni alle tre del pomeriggio, ma abbiamo chiamato il mio ginecologo solo alle sei. Lui si era raccomandato di chiamarlo solo quando ero sicura di non farcela più, per sfruttare al massimo la tranquillità di casa mia. Alle sei non ho resistito e mi sono precipitata in clinica. Avevo scelto il parto pilotato tramite l'epidurale, ma, quando sono arrivata in ospedale, ero già pronta a partorire. Il tempo di salire in camera e mi hanno portato in sala parto: dopo un quarto d'ora Pia è nata. Al parto hanno assistito mia mamma e mio fratello, che ha ripreso tutto con la telecamera. Gliel'ho chiesto io". "A Mario ho mandato messaggi dalle 15, quando sono iniziate le prime contrazioni, fino alle 18,30, quando sono entrata in sala parto. Sono uscita e gli ho rimandato i messaggi, subito dopo che Pia era nata". "Solo a mezzanotte e mezza suona il mio telefono. "Mario?". "Eh?", mi dice. "Io ho partorito". "Ah, ok. A me non interessa". E ha riappeso. E' stata l'ultima volta che l'ho sentito". "Anche se lui non me lo chiederà più, sarò io a fare la prova del Dna. L'esito lo renderò pubblico per dimostrare al mondo che Pia è la figlia di Mario Balotelli. Ma da lui non ho avuto nessun aiuto economico. Lui vale più della Gioconda di Leonardo da Vinci, ma per sua figlia non ha sborsato un centesimo. Non ho mai ricevuto una telefonata per chiedermi se avessimo bisogno di qualcosa. Farò a meno di lui e dei suoi soldi". Ma se adesso Mario si presentasse? "La porta per sua figlia resta aperta. La porta del mio cuore è chiusa per sempre". Sul riavvicinamento, con il bacio tra i due mostrato sulle pagine di "Chi"? "Penso che quel giorno lui si sia presentato a Napoli solo per dare una ripulita alla sua immagine. Perchè in quel periodo le cose non gli andavano bene nè in campo nè fuori". Quindi nessun instinto di paternità: "Ma quale istinto? Non ha neppure la curiosità di sapere come è fatta sua figlia".

SEGUIAMO DA VICINO LA SCONTATA AGONIA DI UN UOMO, FINO ALLA FINE, FINO ALL'AUTODISTRUZIONE, PER DISTOGLIERE L'ATTENZIONE DEI GIOVANI RAGAZZI DA FALSI MITI ED ESEMPI ESTREMAMENTE NEGATIVI.


Posta un commento