mercoledì 16 maggio 2012

RESOCONTO FINALE GIRONE A - GIOVANISSIMI

Rilanciamo l'articolo scritto dal sig. Antonio Tainteve sul sito della Bacigalupo, con una piccola correzione l'ottimo allenatore che ha condotti i ragazzi 98' della Caldora a ben figurare in campionato è mister Ernesto Di Febo, complimenti al sig. Antonio.

Nella prima fase del campionato giovanissimi regionale girone A l´ASD Poggio Degli Ulivi magistralmente guidata dal mister Augusto Gabriele ha stravinto il torneo concludendolo senza sconfitte dall´alto dei suoi 80 punti e con 154 reti realizzate. Il merito del mister pescarese non è da trascurare anche se si annoverano atleti dal sicuro futuro come Bufo, Di Vito, Leone, Lolli e Grassi è sempre difficile assemblare una rosa altamente competitiva sulla carta e renderla imbattibile sul campo. Onore e merito a mister Gabriele che ha giocato tutte le partite con lo stesso piglio e la stessa correttezza che ne fanno un esempio per tutto il movimento giovanile. A ben 18 punti di distanza si è piazzata la Marsica di mister Conti che grazie alla qualità di Iafrate, Panunzie Bontempi ed all´inespugnabilità del suo fortino (solo il Poggio ha violato il terreno di Scurcola) continua a dare soddisfazioni, anno dopo anno, al presidente Roberto Panei consacrando a "furor" di risultati,a livello giovanile, questa società come punto di riferimento della zona anche se la sua corsa si è fermata in semifinale contro l´Angolana. Vera sorpresa del girone è stata l´Amiternina che dopo un inizio shock e le vicissitudini dell´Aquila calcio ha puntellato la squadra contendendo fino allo scontro diretto un posto nelle semifinali regionali alla già citata Marsica. I giallorossi di Scoppito hanno rinverdito comunque la loro tradizione nel settore giovanile, infatti la qualità dei gemelli Di Alessandro, quella di Stefano Cabbai e quella del bomber Fabrizi hanno dato una grossa spinta al team allestito da Cesillino Del Coco e da Marino Sarra e guidato da mister Marco Fabrizi. Inutile nascondere che la grande delusione è stato il Teramo, il grande Antonio Luzii, dovrà fare piazza pulita dallo staff tecnico ai giocatori per affrontare le categorie giovanili professionistiche il prossimo anno avendo capito di aver enormemente sopravalutato l´impianto allestito quest´anno. Incomprensibili i risultati ottenuti da questa squadra soprattutto nel finale falsando sia la corsa ai play off ma soprattutto la volata salvezza, facendo fare una non bella figura alla gloriosa società biancorossa che finalmente approda, come traguardo minimo, dove merita. Anche la Federlibertas L´Aquila del presidente Gizzi ha disputato un ottimo campionato: al campo Mancini sotto la guida del sanguigno mister Vincenzo Pastori, quest´anno si sono divertiti onorando al meglio la memoria del loro mentore Gildo De Felice, figura storica del calcio aquilano e co-fondatore della stessa società, scomparso lo scorso settembre. Il Virtus Pratola dopo un avvio esaltante si è fatto travolgere da un agonismo molto accesso che ha preso il sopravvento - durante la maggior parte delle partite della seconda parte del torneo - sulla inconfutabile tecnica sopraffina dei componenti della sua rosa: la graduatoria della coppa disciplina è eloquente in tutte le categorie del settore giovanile agonistico. Mister Davide Santangelo ha rassegnato le dimissioni a poche giornate dalla fine per cercare di rimettere un po´ di ordine ma crediamo che le prime soddisfazione al presidente Giovanni Tofano dovrebbero essere quelle di carattere disciplinare in quanto le qualità della "band" Hallulli, di Alessio Esposito e di Daniel Florian sono state rilevate dalla gran parte degli addetti ai lavori e consacrate dall´unico pareggio ottenuto dalla schiacciasassi del torneo proprio sul campo pratolano.
I ragazzi della Pineto calcio del presidente Renato Brocco e quelli del Cologna Spiaggia del presidente Rodolfo Forti hanno disputato un onorevole torneo vissuto sempre ai margini per la lotta per non retrocedere. Comunque dai ragazzi di mister Casimirri (Cornice, Florii, Asani, Gentile e Mastrilli) ci si aspettava comunque qualcosa in più.
Sembrava che l´Alba Adriatica non volesse chiudere in maniera definitiva il discorso salvezza, infatti i rossoverdi di mister Fabio Saggiomo sono stati fino alla penultima giornata invischiati nella lotta per non retrocedere. Al presidente Gaetano Passamonti fioccano le richieste per il portiere Petrini che ha tenuto a galla in più di un occasione la formazione albense. Analogo discorso per l´altra formazione della riviera, solo il demerito di Castelnuovo e Sulmona ha permesso al Roseto del presidente Camillo Cerasi di conservare la massima categoria giovanile. Il prossimo anno il Responsabile Tecnico Angelo Stama dovrà sicuramente rifondare il team dei giovani bianco-azzurri. Per molti addetti ai lavori la squadra che ha sciorinato il miglior calcio è stata quella della Caldora Calcio. Sarà stata la vicinanza di Zeman ma a Pescara nord, sotto la guida di mister Colaciocco, si sono gustate almeno, fino alla penultima giornata ,sempre partite godibili con la compagine pescarese che ha fatto della tecnica e della velocità le sue caratteristiche migliori annullando quel gap fisico che in alcune partite poteva incidere come componente negativa. Un buonissimo campionato lo ha disputato anche la compagine di mister Giuseppe Scervino, infatti il San Nicolò grazie ai vari Mattia Forcellese, Luca Leone, Lorenzo Mignini, Moreno Rapagna, Alessandro Di Marco ed Albino Seca è riuscita a conquistare la salvezza con largo anticipo permettendosi un certo rilassamento nelle ultime giornate nonostante sia rimasta colpita dal tremendo infortunio che nella gara con il Sant´Omero ha colpito un suo giocatore a metà campionato. Loreto Di Gianfilippo detto "Jaguarone" non ha fatto il miracolo: a Luco perdono la categoria nonostante il"balletto"circa la disponibilità del campo(infatti alcune partite si sono giocate sul campo in terra altre sul sintetico).Il gioellinoAntonio Cambise, il Gattuso dei Marsi, non ha potuto arginare la differenza fra la sua Jaguar Luco dei Marsi e le altre compagini in lotta per la salvezza. Retrocede anche ilSant´Omero, il presidente Giuseppe Andrenacci ha dovuto fronteggiare in corso d´opera lo smembramento della propria difesa e di conseguenza risalire in classifica è stato quasi impossibile per i giovanissimi bianco-azzurri. Per assegnare l´ultimo posto disponibile per rimanere nei regionali si sono affrontate sul campo neutro del centro tecnico federale a L´Aquila, il Castelnuovo Vomano e la Cedas Fiat Sulmona in una partita vietata ai deboli di cuore. Il Castelnuovo nelle ultime partite ha sostenuto dei ritmi indiavolati, infatti ha rosicchiato otto punti agli ovidiani frutto di alcune vittorie sorprendenti ed inaspettate per gli addetti ai lavori. Solo il Poggio nella seconda metà del girone di ritorno ha fatto meglio dei neroverdi del presidente Giancarlo Di Flaviano che però nella gara di spareggio hanno pagato il prezzo della rincorsa soprattutto sotto l´aspetto fisico: pur chiudendo la prima frazione sul due a zero, si sono dovuti arrendere ai tempi supplementari al nervosismo di alcuni suoi giocatori simbolo ma soprattutto al gol di Vittorio Paolini che ha consegnato la salvezza alla squadra di mister Ivan Giammarco ed al suo fido secondo Flavio Moscetti che ha sfoggiato nella delicatissima gara e come per tutto il campionato la tecnica sopraffina di Francesco Amicucci e la grinta tra i pali del gigante Gabriele Saccone, entrambi destinati ad altri lidi dopo aver consegnato la salvezza al Sulmona. Aspettando il verdetto della finale regionale tra Angolana e Poggio degli Ulivi, ringraziamo tutte le squadre, tutti gli arbitri e tutti gli addetti i lavori per le notizie forniteci dandovi appuntamento al prossimo anno.

Antonio Tainteve

[

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Complimenti all'autore di questo resoconto , minuzioso , rispettoso di tutti e con spunti tecnici notevoli , Mr Colaiocco occorre che qualcuno si dia da fare altrettanto per il Girone B .

Unknown ha detto...

Concordo! Purtroppo io non sono a quel livello e lancio una sfida, non credo ci sia un così grosso conoscitore del girone B...

Anonimo ha detto...

ma che si fa a scrivere così tante fesserie?!

Anonimo ha detto...

Lei secondo me potrebbe... via ci provi !!!

Anonimo ha detto...

ma si, che sarà mai, scrivere senza conoscere è, in questa Italia, lo sport più amato. Bene così.........

Anonimo ha detto...

"Un buonissimo campionato lo ha disputato anche la compagine di mister Giuseppe Scervino, infatti il San Nicolò grazie ai vari Mattia Forcellese, Luca Leone, Lorenzo Mignini, Moreno Rapagna, Alessandro Di Marco ed Albino Seca."

Fesserie, lo scorso anno il san nicolò si è piazzato 4 quest'anno si sono salvati solamente perchè il livello fa pena.
Mattia Forcellese ha fatto una presenza sola - Moreno Rapagnà 97 giocava nei provinciali e dopo a gennaio lo hanno mandato a Nepezzano, sempre provinciali, Albino Seca ha giocato poco quasi zero.
Adesso dico io ma almeno documentatevi prima di scrivere cose allucinanti.
Ve lo dice uno che segue questo girone da sempre.
Grazie

Anonimo ha detto...

Esatto e ti assicuro che di stupidaggini ce ne sono tante altre...

Anonimo ha detto...

..volevo rispondere al commento di Antonio Tainteve.... A ben 18 punti di distanza si è piazzata la Marsica di mister Conti che grazie alla qualità di Iafrate, Panunzie Bontempi, vorrei precisare per noi che scendiamo in campo che Iafrate ha disputato solo 4 partite con i giovanissimi(perchè giocava con gli allievi)e Panunzi manca da 2 mesi(e non ha giocato tutte le partite)e poi è vero che abbiamo perso l'ultima partita in casa(già qualificati) e alcuni giocatori importanti non hanno giocato per eventuali squalifiche, quindi il risultato contava poco ,la verità è che quando arrivi alle semifinali "senza il portiere" è dura affrontare le gare e poi l'arbitro al ritorno contro l'angolana ha commesso gravi errori contro la marsica , due regori netti negati, rete annullata e gol loro in fuorigioco.