mercoledì 10 luglio 2013

IL SAMBUCETO PENSA IN GRANDE


La Folgore Sambuceto ha scelto la bellissima cornice di Casale D’Angelo per presentare il suo progetto legato al settore giovanile. Ieri sera, la società teatina ha tolto i veli a quella che si presenta come squadra nuova di zecca, anche tra le fila societarie, in cui confluiscono i dirigenti di Folgore, Sambuceto San Paolo e Virtus Sambuceto.
Augusto di Francesco è il confermato presidente mentre Giustino Ciarciaglini è il vice presidente. Gabriele Liberatore sarà il direttore sportivo e Sandro Cacciagrano addetto alle mansioni di direttore generale. Per quanto riguarda le principali cariche del settore giovanile, Luciano Stipani è il presidente, Alfio Crisci il dirigente responsabile e Giancarlo Giannandrea il direttore tecnico, mentre Lara Luigioni e Lorella Mariani le segretarie amministrative.
“L’obiettivo è quello di creare una scuola calcio che agisca da fulcro per le tante società locali – spiega al pubblico Luciano Stipani, autentico ambasciatore dell’unione tra le varie società – abbiamo un bacino d’utenza abbastanza ampio, perché si allenano con noi anche ragazzi provenienti da Francavilla, Santa Teresa, per un totale di centonovanta ragazzi iscritti. Una fusione frutto di una scelta precisa, ossia dare la possibilità a questi ragazzi di confrontarsi anche con campionati importanti come quello di Promozione. La Virtus Sambuceto però non scompare, godrà del sostegno e della tutela di una società forte come la Folgore Sambuceto San Paolo”. Dopo anni di campanilismi le due società sono riuscite ad unire le forze – conferma orgoglioso il presidente Di Francesco – una scelta intelligente sia per i tempi economici che attraversiamo sia perché lo sport è metafora di vita, bisogna sempre migliorarsi. Sarà un anno di transizione in cui ci impegniamo nel potenziamento del settore giovanile affidandolo a gente adeguata”.
Uno dei volti nuovi del settore giovanile è sicuramente il neo direttore tecnico Giancarlo Giannandrea, ex direttore della Gladius Pescara. Una presentazione di carattere la sua, piena di idee e deciso a far bene: “Radicarsi sul territorio per avvicinare i migliori giovani. Al giorno d’oggi, anche a causa della forte crisi economica, il settore giovanile costituisce la linfa vitale delle società  calcistiche che attingono sempre più spesso nei loro vivai. Saremo impegnati anche in attività di scouting per quelli che saranno i campioni del futuro”.
Non solo sport ma anche istruzione: “Lo studio è importante, seguiremo i ragazzi anche da questo punto di vista, grazie ad attività di mental training, perché il nostro obiettivo è anche la formazione, che darà vita a uomini preparati”.
Giovanni Gagliardi - da www.abruzzocalciodilettanti.it
Posta un commento