venerdì 15 aprile 2011

AUGUSTO NON MOLLARE


Oggi scorrendo le pagine del quotidiano "IL CENTRO" non ho potuto non notare il "mostro" sbattuto in prima pagina, con tanto di foto e quindi ho deciso che è giusto spendere due parole per un collega come Augusto, persona affabile e mite, seria e meticolosa nel lavoro che in questo caso è stato trascinato dentro un brutto episodio.
Purtroppo a mio avviso l'accaduto va ricondotto nel clima che si respira a Poggio, dove un secondo posto viene salutato come un fallimento, dove un pari è come il 5 maggio per l'Inter, dove tutto è vissuto sopra le righe, nel bene e nel male. Al centro De Cecco ho giocato l'anno scorso, avendo purtroppo la "sventura" di vincere uno scontro diretto e quindi uscire tra gli sputi di un dirigente e gli improperi di parte del pubblico, due anni fa sono andato invece con la squadra esordienti, dove ci venne assegnato un'arbitro completamente interdetto, purtroppo oltre alle sue evidenti difficoltà psico-motorie aveva a che fare con le invasioni dei dirigenti in panchina per contestare le sue stravaganti decisioni, l'anno scorso invece sono capitato a vedere il match salvezza tra Villa Raspa-Poggio, la dove il direttore di gara condannò con le sue decisioni errate i biancorossi alla sconfitta, anche qui invasioni di campo, tentate aggressioni a fine gara e insulti di ogni tipo. Sicuro che il buon Augusto Gabriele non sia solo vittima dello stress che si vive ai piedi di Città S. Angelo? Dove troppi genitori-allenatori, dirigenti-allenatori e pseudo-esperti condizionano l'operato dei tecnici?
Perchè molti vivono cullando il sogno di crescere in casa il nuovo Verratti, molti credono che basta indossare una maglietta con la scritta RC per decollare, lanciare saette sugli avversari e vincere come si deve ai supereroi! Cari signori lasciate tranquilli i tecnici ed i ragazzi, una bella sconfitta insegna più di tante facili vittorie per 10-0 e gli arbitri sono esseri umani, sono più le volte che sbagliano che quelle che azzeccano, poi se hanno la codina... Dio ve ne scampi.
Ora purtroppo sugli effetti non si può fare più nulla, ma imparare dagli errori è fondamentale, quindi posso solo sperare che la squadra del Poggio possa disputare una grande fase finale in modo da rendere giustizia al lavoro ed alla bravura di Augusto Gabriele, forza mister non mollare!

13 commenti:

Anonimo ha detto...

mister Gabriele nn mollare ti stimo moltissimo sia come allenatore(numero 1) ma sopratutto come uomo,solo chi ti conosce sà di che pasta sei fatto.secondo me 1 referto studiato ad arte per colpirti pesantemente,e per dare 1 esempio a tutti gli altri mister. un collega.

Anonimo ha detto...

mister Gabriele nn mollare, ti stimo moltissimo sia come allenatore(numero 1) ma sopratutto come uomo,solo chi ti conosce sà di che pasta sei fatto. secondo me 1 referto studiato ad arte per colpirti pesantemente, e per dare 1 esempio a tutti gli altri allenatori. un collega.

Anonimo ha detto...

Caro Moreno , mi auguro che non ti capiti mai di vedere tuo figlio che viene aggredito da un soggetto simile, che state cercando di giustificare in mille modi diversi , allora vorrei chiederti come ti senti e se provi ancora a giustificare atteggiamenti simili. All'aninimo delle 12.14 che si definisce collega ( di tentate aggressioni o cosa ??????? ) non vorrai che i lettori pensino che fai l'allenatore di calcio, altrimenti dovresti vergognarti se pensi che tutto sia stato premeditato perchè non si puo' in alcun modo giustificare un atteggiamento simile da parte di un adulto nei confronti di una ragazzina .
Ti ricordo solo che i ragazzi che allenate molto spesso vi considerano piu' dei genitori bell'esempio date , poi ci lamentiamo se i COMUNICATI SETTIMANALI FIGC sono dei veri e propri bollettini di guerra . Poi basta addossare colpe ai genitori che vi affidano pure i propri figli , NON SPACCIATEVI PER ALLENATORI ( RIDICOLI ) RICORDATE CHE PRIMA DI TUTTO SIETE DEGLI EDUCATORI , MOLTO SPESSO INCAPACI E PRESUNTUOSI .

morenocolaiocco ha detto...

Chi mi conosce sa che da giocatore non sono stato sempre un'esempio, sono stato però il prodotto di una mentalità vecchia ed oramai superata, oggi da allenatore cerco di inculcare nei miei ragazzi il principio del fair play, portando come deterrente la mia esperienza negativa, anche se non sempre ci si riesce. L'anno scorso con i giovanissimi ho totalizzato solo un'espulsione per doppia ammonizione, quest'anno siamo ancora a zero espulsioni e zero squalifiche per somma di ammonizioni, penso che in un girone difficile e combattuto come quello nostro sia un buon risultato. Per quanto riguarda la partita di domenica non ero al Poggio e quindi non posso giudicare, se mister Gabriele ha sbagliato pagherà, ma non sarà sicuramente un referto (ricordo che un'arbitrello di 17 anni in malafede ha fatto dare 2 anni di squlifica ad un nostro ragazzo 94' per una rissa fra ragazzi a CASTIGLIONE) o un quotidiano a far cambiare la mia opinione su una persone mite, seria e competente. Poi se vedessi un mio ragazzo, perchè i miei per me sono come figli, aggredito da un'adulto, come è successo a Lanciano, forse andrei fuori dai gangheri io stesso ed interverrei personalmente, anche se so che sarebbe una cosa profondamente sbagliata.

Anonimo ha detto...

Da un momento all'altro sarebbe successo perchè a Poggio non si può ne vincere ne tantomeno pareggiare. Li sono proprio dei pazzi, sembra che si stanno a giocare una finale mondiale, gli arbitri sono sotto assedio per tutta la partita e se sbagliano contro di loro ecco che un dirigente o l'allenatore stesso entrano in campo.
Come dice Moreno sembra che portare la maglia della RC vuol dire vincere sempre ma ci sono anche gli avversari in campo.
Gli allenatori in questa categoria non si possono chiamare tali ma devono essere "allevatori" e se sono per prima i mister che si comportano da pazzi che possono fare i ragazzi?
Ciao

Anonimo ha detto...

nessuno sta giustificando mister Augusto e lui, secondo me, sa benissimo di aver sbagliato. Il suo gesto tanto imperdonabile quanto imprevedibile è stato punito, pesantemente.(anche se questo schiaffo leggero dietro la nuca non ha avuto nessuna conseguenza, così scritto).Basta torturarlo psicologicamente, ha sbagliato e sta pagando,lo dobbiamo mettere al rogo? invece voglio precisarti una cosa i primi educatori siamo noi genitori. A volte in campo si vedono ragazzi sfacciatamente maleducati, senza limiti di linguaggio e di rispetto verso un adulto e soprattutto senza personalità. Stai aspettando che sia un mister a educare un ragazzo? Limitatamente qualcosa può succedere. E tante volte noi genitori,gettiamo benzina sul fuoco. Se poco poco in una partita ilragazzo fa panchina o gioca poco.....apriti cielo!!! Dagli spalti? Tutto noi capiamo sappiamo, siamo tutti mister, e quello vero seduto in panchina non capisce niente! E' vero o no? Allora , mister Augusto sta pagando ma noi prendiamoci anche le nostre colpe, e non puntiamo sempre il dito ! Fare l'allenatore non è facile ma fare i genitori è difficilissimo!! P.S.e se mio figlio se lo meritasse, io lo schiaffo educativo glielo darei ( il mister non può)..e lui lo sa , ma per fortuna ,sa come comportarsi..

Anonimo ha detto...

Mister moreno lascia perdere che ti critica, ti prego non rispondere nemmeno, una persona come te che spende tempo e denaro dietro ai ragazzi degli altri è solo da ammirare, a prescindere dai successi che poi ottieni o non ottieni, qualche volta ti lasci andare anche tu ma quelle poche volte risulti solo simpatico, anche agli avversari e questo lo dicono tutti, non ti ho mai visto litigare con una panchina avversaria nè con il pubblico avversario, io c'ero a poggio l'anno scorso quando avete battuto meritatamente l'angolana e nonostante sputi ed insulti hai mantenuto sempre la tua calma ed il tuo amplomb, non ti preoccupare vai avanti per la tua strada. un genitore

morenocolaiocco ha detto...

caro genitore ti ringrazio delle belle parole, a volte sono queste piccole cose che ti compensano dei sacrifici fai giornalmente. grazie davvero

Anonimo ha detto...

sono d'accordo con moreno,il quale nn giustifica nessuno,anzi ha riportato esempi importanti come 1 arbitro in MALAFEDE che ha fatto squalificare 1 suo ragazzo per 2 anni.leggo attestati di stima da tantissimi persone del calcio su questo uomo,quindi nn capisco questo attacco feroce da parte di qualk anonimo.come ha detto moreno se ha sbagliato pagherà,ma l'opinione di colaiocco(allenatore apprezzato da tutti) su questo mister di 1 persona seria preparata e mite è 1 cosa molto bella.bravo mister(ma siete amici???).

morenocolaiocco ha detto...

Non siamo amici e proprio per questo il mio pensiero è più sincero, ho avuto molto di parlare con mister Augusto più di una volta nel quale mi è apparso sempre sorridente, disponibile e soprattutto competente, poi attraverso amicizie comuni ed i suoi ragazzi la mia impressione è stata solamente confermata

Anonimo ha detto...

il problema della RC è il suo entourage se quest'anno non rivincono nulla succederà una guerra civile a poggio!!!!

Anonimo ha detto...

Sei un signore a difendere mister augusto. Quelle ragazzine vestite di nero, benchè adolescenti, a volte hanno il veleno in corpo e ti maltrattano inviperite nonostante tu hai 30 anni di più e chiedi spiegazioni per le cacate che fanno e fischiano cose dell'altro mondo. Questo non giustifica le parolacce "all'arbitressa" ma quelle 50 euro o 4 soldi potrebbero guadagnarli facendo le donne di servizio o le baby sitter che non c'è niente di male.

Anonimo ha detto...

ve li raccomando i genitori del poggio. Sempre a fare casini dentro e fuori dai piccoli amici fino alla juniores. Povera vecchia e pluriscudettata RC. Toglietevi quelle magliette con cui non avete vinto nulla a livello nazionale. C'era e ci sarà per sempre una sola RENATO CURI PESCARA che giocava e si allenana al mitico antistadio A. Flacco.